Radiazioni ultraviolette: cosa sono e come difendersi

Le radiazioni ultraviolette sono dannose per la cute e per gli occhi. Quindi, è importante ridurre l’esposizione ai raggi del sole, soprattutto adesso che si sta approssimando la primavera e la bella stagione e le giornate si allungano. La voglia di vivere e condividere gli spazi aperti aumenta e con questa cresce anche la durata di esposizione al sole. L’esposizione ai raggi UV deve essere attenta e limitata. La loro pericolosità dipende dalla capacità di penetrazione della pelle. Per comprendere meglio i rischi legati all’esposizione ai raggi dannosi del sole, è prima necessario approfondire il concetto di radiazione ultravioletta.

Radiazioni ultraviolette: cosa sono

Realizzare una zona coperta, in grado di proteggere dalle radiazioni ultraviolette, consente di creare ambienti godibili anche quando la capacità di penetrazione della pelle da parte dei raggi UV è particolarmente alta.

La decisione di far progettare e costruire una pergola bioclimatica, piuttosto che un pergolato con telo in pvc retraibiile, per creare una zona d’ombra gradevole e funzionale, non è una scelta esclusivamente estetica.

Il sole emette una grande quantità di radiazioni e solamente il 10% raggiunge la superficie terrestre. La maggior parte, infatti, è assorbita dall’atmosfera, che funge da filtro. Le radiazioni che raggiungono il suolo si dividono in:

  • visibili a occhio nudo
  • infrarosse (raggi IR)
  • ultraviolette (UV con capacità di penetrazione dell’epidermide)

Le radiazioni ultraviolette sono inferiori alla luce visibile e superiore a quella dei raggi X. Sono suddivise in tre differenti bande a lunghezza d’onda diversa:

  • UVA – alto potere penetrante che accelera il processo d’invecchiamento.
  • UVB – agiscono sulla superficie della pelle e da loro dipende l’abbronzatura.
  • UVC – a energia molto elevata, ma assorbita completamente dall’atmosfera.

Che tipo di danno è causato dalle radiazioni ultraviolette?

Detto questo, cerchiamo di capire perché è così importante costruire negli spazi aperti ed esposti al sole una copertura adeguata a proteggere la pelle. Non si tratta di guardare solo all’estetica e seguire le regole per progettare un garden design moderno e dal forte impatto visivo. È anche e soprattutto, una questione di sicurezza, perché i rischi sono tanti e sempre in agguato.

 

L’eccessiva esposizione ai raggi UV può causare diversi rischi. Un’esposizione sconsiderata alle radiazioni ultraviolette può causare:

  • eritemi solari
  • invecchiamento precoce della pelle
  • comparsa di macchie cutanee e rughe
  • comparsa di cheratite acuta, maculopatia fototraumatica e, a lungo andare, perfino cataratta
  • reazioni fototossiche, come dermatiti solari
  • danni degenerativi al tessuto connettivo
  • danni degenerativi al sistema vascolare

Radiazioni ultraviolette

Come proteggere la pelle da radiazioni ultraviolette

Proteggersi significa, prima di tutto, imparare a conoscere i rischi di un’esposizione incontrollata ed esagerata. Indispensabili creme e protezioni per la pelle, occhiali da sole e collirio per gli occhi. Ma questo non è sempre sufficiente. La principale protezione riscontrabile in ambiente esterno, è quella di una copertura idonea. Vale a dire una zona d’ombra ampia, sicura e ben strutturata, come, ad esempio, una pergola bioclimatica, oppure una pergola autoportante, o ancora una tenda a bracci con tessuto per tende da sole adeguato allo scopo.

Pergole in alluminio e bioclimatiche per proteggere pelle e occhi

Abbiamo quindi appurato che costruire in giardino, sul terrazzo, oppure in cortile, una pergola bioclimatica, un pergolato, oppure una tenda da sole che possa facilmente proteggere dalle radiazioni ultraviolette, oltre a essere una soluzione estremamente scenografica, è anche utile e funzionale alla sicurezza delle persone.

BT Group ha progettato e realizzato un ampio catalogo di proposte verso le quali orientarsi per trovare soluzioni adatte a ogni esigenza di protezione:

PERGOKLIMA R600 – Pergola Bioclimatica Autoportante o addossata a parete in alluminio. Le lamelle orientabili permettono di regolare l’intensità d’infiltrazione dei raggi solari e, di conseguenza, delle radiazioni ultraviolette. Completamente aperte, le lamelle consentono ai raggi di entrare direttamente nell’ambiente sottostante, illuminando intensamente lo spazio. Al contrario, quando le lamelle in alluminio sono inclinate (inclinazione possibile da 0° a 140°), bloccano i raggi solari e schermano gli UV dannosi.

Radiazioni ultraviolette

PERGOMOVE – questa pergola bioclimatica dispone di un sistema di protezione regolabile automaticamente. La struttura presenta lamelle in alluminio impacchettabili. Questa soluzione offre protezione totale o parziale dal sole, una perfetta climatizzazione, e un sicuro riparo dalla pioggia divenendo uno spazio da vivere sempre.

PERGOWAVE – la copertura della pergola è mobile, regolabile a proprio piacimento. Infatti, il telo in strisce di tessuto PVC ignifugo offre un’ottima stabilità dimensionale e riesce a proteggere egregiamente sia dalle radiazioni ultraviolette, che dalla pioggia.

PERGOLIFE – anche in questo caso la copertura è mobile e realizzata in tessuto PVC oscurante ignifugo a telo teso con scarico acqua laterale. Il telo in pvc oscurante è una perfetta schermatura dalle radiazioni solari. Non permette a nessun raggio UV, dannoso per pelle e occhi, d’infiltrarsi al di sotto della struttura. Al tempo stesso, però, l’illuminazione naturale riesce a raggiungere tutto lo spazio sottostante senza creare spiacevoli e inopportune zone buie.