Bonifico per detrazione fiscale: modalità, compilazione e adempimenti

Quando si parla di Bonifico per detrazione fiscale o bonifico parlante, si fa riferimento a quel metodo di pagamento che permette di accedere a diverse detrazioni fiscali previste dal Governo. Solitamente si tratta di detrazioni inerenti alla riqualificazione energetica dell’immobile o a lavori di ristrutturazione degli stabili. All’interno di un bonifico di questo tipo, è necessario inserire molti dati in più rispetto a un bonifico tradizionale. Infatti oltre a iban di riferimento, nome, cognome e indirizzo del ricevente e alla causale, il beneficiario della detrazione deve inserire dati inerenti all’immobile e una serie articolata d’informazioni. Queste sono fondamentali per l’Agenzia delle Entrate al fine di verificare l’effettiva validità della richiesta

Bonifico per detrazione fiscale: efficienza energetica 

Per gli interventi di efficienza energetica o per ristrutturazione di abitazioni o parti interne ai condomini, è possibile richiedere una detrazione fiscale del 50 o 100%. ENEA offre la possibilità di detrarre un determinato importo che copre spese effettuate nel settore della riqualificazione energetica, come nel caso dell’ecobonus 50. È possibile inoltre ottenere una detrazione fiscale per tende da sole, nel caso in cui queste siano applicate ad esempio in un’area comune del condominio o se appartengono a una struttura a regola costruita in uno spazio esterno alla propria abitazione. Prima di effettuare il Bonifico per detrazione fiscale è necessario comunicare all’ENEA:

  • dati di colui che sostiene la spesa;
  • tipologia ed entità dell’intervento;
  • dati dell’abitazione;
  • costo complessivo del lavoro;
  • importo che è stato usato per il calcolo della detrazione;
  • percentuale del risparmio energetico conseguito nell’arco di un anno. 
  • Inoltre il beneficiario deve farsi carico di altri adempimenti, quali:
  • presentazione di una comunicazione di carattere preventivo all’ASL territoriale, se è previsto dalla legge in ambito di sicurezza;
  • inserimento nel modulo di richiesta della detrazione fiscale per L’Ecobonus della dichiarazione dei redditi all’interno della quale devono essere inseriti i dati catastali dell’immobile in questione;
  • invio per via telematica all’Agenzia delle entrate, in caso di cessione del credito o sconto in fattura, del modello di cui è richiesta la compilazione. 

Bonifico per detrazione fiscale poste italiane

Il Bonifico per detrazione fiscale può essere inviato tramite la propria banca o le poste italiane. Per ottenere una detrazione pari al 90% della spesa sostenuta è però importante infatti che il pagamento avvenga esclusivamente tramite bonifico. Nel quale devono risultare:

  • causale del pagamento effettuato;
  • codice fiscale del soggetto beneficiario;
  • numero della partita Iva o CF della ditta o professionisti al quale è indirizzato il bonifico.

Nel momento in cui viene effettuato il bonifico che si tratti delle Poste Italiane, di banche o intermediari finanziari autorizzati, viene applicata una ritenuta d’acconto pari all’8% della somma versata.

Bonifico per detrazione fiscale

La cifra massima che può essere coperta è di 96.000 euro, per:

  • restauro e risanamento degli edifici storici;
  • riparazione di danni dovuti ad agenti atmosferici;
  • manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili;
  • riqualificazione edilizia di edifici;
  • ristrutturazione di aree esterne, quali terrazze, giardini, cortili abitativi in cui possono rientrare anche lavori di garden design;
  • ottenere le tende da sole in un pergolato esterno alla propria abitazione ma che funge da continuum.

Bonifico per detrazione fiscale ristrutturazione

Il Bonifico per detrazione fiscale riguardante le ristrutturazioni, può essere compilato sia di persona presso un ufficio postale o la filiale della propria banca, che online, tramite le app di riferimento. È importante sottolineare che se la compilazione del bonifico avviene di persona, bisogna fare molta attenzione a richiedere precisamente il bonifico parlante per ristrutturazione edilizia

I dati da riportare nel Bonifico per detrazione fiscale sono:

  • partita iva o CF della ditta che si occupa dei lavori o della persona fisica;
  • nome, cognome e CF del beneficiario della detrazione che ha ordinato i lavori;
  • causale al cui interno devono essere presenti il numero di fattura del lavoro svolto e la normativa a cui si fa riferimento.

BT Group rappresenta una di quelle ditte che si occupano di fornire servizi di alta qualità in campo edilizio, dando la possibilità di accedere al bonus ristrutturazione 2022. Questo può essere richiesto entro il 31 dicembre 2021 e permette al soggetto beneficiario di ottenere un rimborso del 50% sulla spesa effettuata per la riqualificazione edilizia